Tutela e gestione fauna selvatica

Ultima modifica 9 ottobre 2019

Attività svolte

  • abilita all’esercizio venatorio;
  • autorizza le gare dei cani da caccia;
  • autorizza la detenzione di preparazioni tassidermiche e trofei;
  • autorizza l’attività di inanellamento a scopo scientifico;
  • autorizza gli allevamenti di fauna selvatica;
  • autorizza le immissioni e catture di fauna selvatica nelle zone vietate alla caccia ad esclusione delle aree protette regionali;
  • dispone ed autorizza azioni di controllo della fauna selvatica problematica;
  • autorizza corsi di preparazione e aggiornamento per guardie volontarie, selecontrollori, caccia di selezione e per conduttori e cani da traccia;
  • accerta e rimborsa i danni causati alle produzioni agricole dalla fauna selvatica nelle aree protette;
  • gestisce il contenzioso di competenza relativo alle infrazioni di legge;
  • rilascia e rinnova i decreti delle Guardie Venatorie Volontarie;
  • nomina ed insedia i Comitati di Gestione degli Ambiti Territoriali di Caccia e del Comprensorio Alpino;
  • predispone ed attua il “Piano faunistico-venatorio provinciale”;
  • promuove anche con apposite pubblicazioni la conoscenza della fauna selvatica;
  • dispone di proprie particolareggiate banche dati anche cartografiche e georeferenziate relative alle aree protette e alle varie gestioni faunistiche e venatorie.

Ufficio di riferimento