Modulistica per istanza AUA

Ultima modifica 20 novembre 2020

La domanda di AUA deve essere presentata al SUAP di competenza utilizzando il modello regionale secondo quanto previsto dal Regolamento 5/R/2015.

In base al Regolamento 5/R/2015 stesso ciascun SUAP può optare per l’implementazione diretta di un proprio servizio di compilazione guidata, ovvero avvalersi del servizio digitale regionale reso disponibile sul portale regionale Sistemapiemonte.

Ciascun SUAP dovrà fornire le relative istruzioni sul proprio portale indicando la modalità prescelta e indirizzando il richiedente ai rispettivi servizi telematici di presentazione delle istanze. Pertanto il gestore che intende presentare una domanda di AUA deve accedere al sito del SUAP competente e seguire le indicazioni fornite dal medesimo.

Ove il SUAP non avesse provveduto ad allestire il proprio servizio per la presentazione dell’AUA o a garantire l’informazione necessaria, la domanda può essere presentata attraverso il servizio digitale regionale disponibile all’indirizzo http://www.sistemapiemonte.it/cms/privati/ambiente-e-energia/servizi/804-valutazioni-e-adempimenti-ambientali#autorizzazione-unica-ambientale-aua

Modelli di Allegati Tecnici specifici per il conseguimento dei relativi titoli autorizzativi sostituiti dall’AUA conformemente ai modelli predisposti dalla Provincia di VERCELLI.

 


 

Modalita' esiti autocontrolli emissioni in atmosfera
Con DD n. 3159 del 03/12/2014 la Provincia ha approvato il format da utilizzare per la presentazione degli esiti degli autocontrolli per le Ditte autorizzate ai sensi del DPR n. 59 del 13/03/2013 e ai sensi dell'art. 269 del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i.

DD n. 3159 03122014 autocontrolli.pdf


Metodiche di campionamento emissioni in atmosfera
Le metodiche di campionamento inserite nelle autorizzazioni sono state fornite dal Dipartimento ARPA di Vercelli e sono pubblicate sul sito WEB della Provincia di Vercelli nella pagina IPPC A.I.A. - Metodiche di campionamento.

L’elenco delle metodiche di campionamento, potrà essere soggetto ad aggiornamenti.
Si invitano le Ditte a controllare periodicamente il sito WEB in occasione degli autocontrolli periodici da eseguirsi secondo le frequenze previste nelle autorizzazione.
Il gestore può in ogni caso adottare metodiche differenti da quelle indicate, purché di equivalente qualità e precisione, previa comunicazione all'autorità di controllo (ARPA) nella quale siano esplicitate le motivazioni tecniche alla base della scelta operata e l'approccio adottato per la stima dell'incertezza estesa, necessaria ai fini del confronto tra i risultati analitici ottenuti con metodi diversi.
Si precisa che la stima dell'incertezza estesa deve comunque essere sempre fatta quando incide sull'espressione del giudizio di conformità al valore limite di legge ovvero a un valore limite specificato nell'atto autorizzativo.
Qualora per l'inquinante da determinare non esista metodica analitica tra quelle sopra citate, nella presentazione dei risultati deve essere descritta la metodica utilizzata.


Comunicazione di modifica non sostanziale

 

La comunicazione di modifica non sostanziale (ai sensi dell'art. 269 comma 8) deve essere redatta in carta semplice.
Alla comunicazione la Ditta deve allegare:

  • una relazione tecnica descrittiva della modifica che si intende realizzare
  • eventuali documenti tecnici specifici
  • eventuale planimetria aggiornata
  • ricevuta di pagamento degli oneri istruttori forfettari indicati qui (Tariffe AUA) 

La comunicazione deve essere trasmessa almeno 60 giorni prima della data in cui si intende realizzarla al fine di permettere agli enti la valutazione della documentazione.
Al termine dei 60 giorni l'ente si esprimerà e, nel caso in cui la modifica sia considerata non sostanziale, la Ditta potrà realizzare quanto in progetto e l'Amministrazione provvederà ad aggiornare l'atto autorizzativo in fase di revisione e/o rinnovo; nel caso in cui la modifica sia considerata sostanziale, l'Amministrazione ordinerà al gestore di presentare una domanda di autorizzazione.

Al fine di semplificare il procedimento, si invita a prendere visione della Deliberazione della Giunta Regionale 9 gennaio 2017, n. 12-4553 “Approvazione dell'Atto d'indirizzo recante l'elenco di casistiche riconducibili alla fattispecie della "modifica non sostanziale" (art. 268, comma 1 lett. m) e m bis) del d.lgs. 152/2006)” scaricabile a fondo pagina.

Modulistica Volturazione
Allegato formato doc
Scarica
Modello per la redazione dei rapporti di autocontrollo emissioni in atmosfera
Allegato formato doc
Scarica