Consiglio Provinciale di Vercelli

Sessione Straordinaria

Seduta dell’11 gennaio 2001

Atto n. 155

OGGETTO: Modifiche al Regolamento Provinciale per l’istituzione del canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (C.O.S.A.P.). Prot. n. 44917

 

 

L'anno duemilauno addì undici del mese di gennaio, in Vercelli, nella Sala delle Tarsie del Palazzo Provinciale, a seguito dell'avviso di convocazione in data 3 Gennaio 2001, n. 47542, diramato ai sensi della vigente normativa, alle ore 15,10, si è riunito il Consiglio Provinciale che è così composto:

 

BALTARO Giulio, Presidente della Provincia

BERTOLA Patrizio

BOSSO Carlo

BUONANNO Gianluca

CANOVA Gilberto

CHIAPPALONI Giovanni

CORGNATI Giovanni

DAGO Angelo

DE DOMINICI Gian Paolo

DEMARCHI Claudia

FECCHIO Claudio

FERRARO Domenico

FINOCCHI Fabrizio

SCHEDA Roberto, Presidente del Consiglio

FOSSALE Ercole

GUGLIELMINO Valentino

JULINI Norberto

LAZZAROTTO Renzo

MAFFEI Ermanno

NASCIMBENE Roberto

RANGHINO Sandra

ROMANO Francesco

SAVIOLO Paolo

TRICERRI Giovanni

ZAMBONI Giancarlo

 

 

Il Presidente del Consiglio Avv. Roberto SCHEDA chiama in trattazione l’oggetto suindicato.

Dei sopracitati Consiglieri sono, al momento, assenti i Signori:

  1. BALTARO Giulio
  2. CHIAPPALONI Giovanni
  3. JULINI Norberto
  • NASCIMBENE Roberto
  • ZAMBONI Giancarlo
  •  

     

     

     

     

    Assiste il Segretario Generale Dott. Fabio Guarnieri

    IL PRESIDENTE chiama in trattazione l'argomento in oggetto e riferisce che la Giunta Provinciale, ai sensi dell’art. 14, c. 2 dello Statuto Provinciale, propone al Consiglio il seguente schema di deliberazione, già fatto proprio con atto n. 43891 in data 4.12.2000, inviato in copia a ciascun Consigliere.

    IL CONSIGLIO PROVINCIALE

    Premesso

    che il Consiglio Provinciale, con atto n. 387 del 15.12.1998, ai sensi degli artt. 51 e 63 del D.Lvo n. 446 del 15.12.1997, ha abolito la TOSAP dal 1999 ed istituito il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP);

    che, da un riesame del Regolamento è emersa la necessità di apportare le seguenti modifiche:

    I categoria

    6.000

    II categoria

    5.500

    III categoria

    5.000

    Dato atto che è stato ottemperato al disposto di cui all’art. 49, c. 1 del D.Lgs 267/2000, come evincesi dal documento allegato sub A) alla presente deliberazione;

    DELIBERA

    di modificare come segue il vigente regolamento:

    VECCHIO TESTO

    NUOVO TESTO

    Art. 18

    Determinazione della misura di tariffa base

    1. …omissis…

    2. …OCCUPAZIONI PERMANENTI: per le occupazioni permanenti di suolo e di spazi pubblici, la tariffa annua per metri quadrati è di:

    Art. 18

    Determinazione della misura di tariffa base

    1. …omissis…

    2. …"OCCUPAZIONI PERMANENTI: per le occupazioni permanenti di suolo e di spazi pubblici, la tariffa annua per metri lineari è di:"

     

    I cat.

    12.000

    II cat.

    11.000

    III cat.

    10.000

    I cat.

    6.000

    II cat.

    5.500

    III cat.

    5.000

     

    3.AZIENDE EROGATRICI DI PUBBLICI SERVIZI:

    per le occupazioni realizzate dalle aziende erogatrici di pubblici servizi, la tariffa in metri quadrati è:……..

    Art. 21

    OCCUPAZIONE DEL SUOLO, SOTTOSUOLO…

    5. Per le occupazioni permanenti realizzate con cavi, condutture, impianti o con qualsiasi altro manufatto da aziende di erogazione di pubblici servizi e per quelle realizzate nell’esercizio di attività strumentali ai medesimi il canone è determinato analiticamente sulla base delle apposite tariffe previste dal presente Regolamento per gli attraversamenti lineari e trasversali del suolo pubblico

     

    Art.25

    CRITERI PARTICOLARI…

    1.Per le occupazioni permanenti realizzate da aziende erogatrici di pubblici servizi con cavi e condutture soprastanti e sottostanti il suolo comunale nonché con impianti e manufatti di vario genere, compresi pozzetti, camerette di manutenzione, cabine, ecc., il canone annuo è determinato, in sede di prima applicazione del predetto onere, nella misura del 20% dell’importo corrisposto ai Comuni compresi nell’ambito territoriale della Provincia, che è di L. 1.250** per utente (se il comune ha una popolazione fino a 20.000 abitanti) e L. 1.000** (se il comune ha una popolazione oltre i 20.000 abitanti)."

    2. omissis

    3.Per le occupazioni realizzate dai soggetti di cui ai commi 1 e 3, per le applicazioni successive alla prima, detto onere è determinato sulla base delle modalità di cui all’art.18 e 19" in quanto la nuova normativa prevede solo la possibilità di quantificazione forfetaria del canone.

    Art. 26

    1. omissis

    Soppresso

     

     

     

    Art. 21

    OCCUPAZIONE DEL SUOLO, SOTTOSUOLO…

    5.Per le occupazioni permanenti realizzate con cavi, condutture, impianti o con qualsiasi altro manufatto da aziende di erogazione di pubblici servizi e per quelle realizzate nell’esercizio di attività strumentali ai medesimi il canone è determinato in base alla normativa vigente

     

     

     

     

    Art.25

    CRITERI PARTICOLARI…

    1. Per le occupazioni permanenti realizzate da aziende erogatrici di pubblici servizi con cavi e condutture soprastanti e sottostanti il suolo provinciale nonché con impianti e manufatti di vario genere, compresi pozzetti, camerette di manutenzione, cabine, ecc., il canone annuo è determinato, ai sensi di legge, nella misura del 20% dell’importo corrisposto ai Comuni compresi nell’ambito territoriale della Provincia, che è, attualmente, di L.1.500** per utente (se il comune ha una popolazione fino a 20.000 abitanti) e L. 1.250** (se il comune ha una popolazione oltre i 20.000 abitanti), salvo gli adeguamenti annuali all’indice ISTAT";

    2. omissis

    3. soppresso

     

     

     

     

     

     

    Art. 26

    1.omissis

    2. il canone non viene applicato ai passi carrai urbani e rurali. L’eventuale futura applicazione dovrà essere deliberata dal Consiglio nei termini di legge ed avrà effetto a partire dall’esercizio successivo a quello in cui è stato deliberato.

     

     

    Indi Il Presidente dichiara aperta la discussione.

     

    Sull’argomento si registra l’intervento dell’Assessore Masoero, per il quale si rinvia al nastro di registrazione della seduta odierna, n. 1/2001, ai sensi dell’art. 90, comma 4 del vigente Regolamento per l’Organizzazione ed il Funzionamento del Consiglio Provinciale.

     

    Non avendo più alcuno chiesto la parola, la suestesa proposta, posta ai voti dal Presidente, viene approvata con 19 voti favorevoli ed 1 contrario (Fecchio), resi per alzata di mano, essendo 20 i Consiglieri presenti e votanti.

    IL PRESIDENTE ne proclama l’esito.

    Indi, su proposta del Presidente che evidenzia, stante l’urgenza, la necessità di conferire immediata eseguibilità al presente provvedimento,

     

    IL CONSIGLIO PROVINCIALE

    con 19 voti favorevoli ed 1 astenuto (Fecchio), resi per alzata di mano, essendo 20 i Consiglieri presenti e votanti

    DELIBERA

    di dichiarare immediatamente eseguibile il suesteso provvedimento, ai sensi del quarto comma dell’art. 134 del D. Lgs 267/2000.

     

     

    IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

    (Dott. Fabio GUARNIERI) (Avv. Roberto SCHEDA)

     

     

     

    IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO – f.to R. SCHEDA

    IL SEGRETARIO GENERALE – f.to F. GUARNIERI

    Per copia conforme ad uso amministrativo

    IL SEGRETARIO GENERALE

     

     

     

     

    La presente deliberazione è stata pubblicata all'Albo provinciale addì ………………………………… e vi resterà affissa per 15 giorni consecutivi, ai sensi dell’art. 124, 1° comma del D.Lgs 18.8.2000, n. 267.

    L'incaricato del servizio IL SEGRETARIO GENERALE

    (Dott. Fabio GUARNIERI)

    ......................................

     

     

    Ricevuta il ..................................... col n. ..................... dal Comitato Regionale di Controllo agli effetti dell'art. 126 del D.Lgs 18.8.2000, n. 267.

    Interruzione termini del ...........................................

    Riscontro ricevuto dal Co.Re.Co. il .............................. col n................

    E' divenuta esecutiva.

    Vercelli, lì .............................… IL SEGRETARIO GENERALE

    (Dott. Fabio GUARNIERI)