Consiglio Provinciale di Vercelli

Sessione Straordinaria

Seduta dell11 gennaio 2001

 

 

Atto n. 154

 

OGGETTO: Regolamento per l’organizzazione ed il funzionamento del Consiglio Provinciale Art. 19 bis. Approvazione modifiche. Prot. n. 46066

 

L'anno duemilauno addì undici del mese di gennaio, in Vercelli, nella Sala delle Tarsie del Palazzo Provinciale, a seguito dell'avviso di convocazione in data 3 Gennaio 2001, n. 47542, diramato ai sensi della vigente normativa, alle ore 15,10, si è riunito il Consiglio Provinciale che è così composto:

 

BALTARO Giulio, Presidente della Provincia

BERTOLA Patrizio

BOSSO Carlo

BUONANNO Gianluca

CANOVA Gilberto

CHIAPPALONI Giovanni

CORGNATI Giovanni

DAGO Angelo

DE DOMINICI Gian Paolo

DEMARCHI Claudia

FECCHIO Claudio

FERRARO Domenico

FINOCCHI Fabrizio

SCHEDA Roberto, Presidente del Consiglio

FOSSALE Ercole

GUGLIELMINO Valentino

JULINI Norberto

LAZZAROTTO Renzo

MAFFEI Ermanno

NASCIMBENE Roberto

RANGHINO Sandra

ROMANO Francesco

SAVIOLO Paolo

TRICERRI Giovanni

ZAMBONI Giancarlo

 

Il Presidente del Consiglio Avv. Roberto SCHEDA chiama in trattazione l’oggetto suindicato.

 

Dei sopracitati Consiglieri sono, al momento, assenti i Signori:

  1. FECCHIO Claudio
  2. JULINI Norberto
  • NASCIMBENE Roberto
  • TRICERRI Giovanni
  •  

     

     

     

     

    Assiste il Segretario Generale Dott. Fabio Guarnieri

    IL PRESIDENTE chiama in trattazione l'argomento in oggetto e riferisce che la Giunta Provinciale, ai sensi dell’art. 14, c. 2 dello Statuto Provinciale, propone al Consiglio lo schema di deliberazione, già fatto proprio con atto n. 45669 in data 11.12.2000, inviato in copia a ciascun Consigliere.

    Indi dichiara aperta la discussione.

    Entra in aula il Consigliere Fecchio, per cui i presenti risultano essere 22.

    Sull’argomento si registrano gli interventi del Presidente della Provincia, del Consigliere Fossale e del Segretario Generale, Dott. Guarnieri, per i quali si rinvia al nastro di registrazione della seduta odierna, n. 1/2000, ai sensi dell’art. 90, comma 4 del vigente Regolamento per l’Organizzazione ed il Funzionamento del Consiglio Provinciale.

    Non avendo più alcuno chiesto la parola, il Presidente, preso atto della volontà testè manifestata da tutti i Capigruppo di poter utilizzare nell’anno 2001, per le causali di cui alle lettere c) e d) del comma 1, dell’art. 19 bis del Regolamento in orgomento, i fondi ancora a disposizione dei rispettivi Gruppi, pone in votazione la seguente proposta:

    IL CONSIGLIO PROVINCIALE

    Premesso che, in sede applicativa, sono emersi dubbi interpretativi circa le norme regolamentari riguardanti le procedure per l’utilizzo delle risorse finanziarie a disposizione dei Gruppi consiliari;

    Rilevata, pertanto, la necessità di una maggiore specificazione delle stesse;

    Vista la proposta di modifica dell’art. 19 bis "Mezzi e risorse finanziarie per il funzionamento dei Gruppi consiliari" del Regolamento per l’Organizzazione ed il Funzionamento del Consiglio Provinciale, predisposta dal Segretario Generale alla luce dei chiarimenti richiesti dai Capigruppo;

    Dato atto che tale proposta, esaminata favorevolmente dalla Conferenza dei Capigruppo nella seduta del 21 novembre 2000, in data 7 dicembre 2000 è stata sottoposta all’esame della 1^ commissione Consiliare con esito favorevole.

    Dato atto che e’ stato ottemperato al disposto di cui all’art. 49, c. 1 del D.Lgs. n. 267/2000 come evincesi dal documento allegato sub A) alla presente deliberazione

    DELIBERA

    di approvare Il nuovo testo dell’art. 19 bis del "Regolamento per l’Organizzazione ed il Funzionamento del Consiglio Provinciale" che risulta essere il seguente:

    VECCHIO TESTO

    Art. 19 bis

    Mezzi e risorse finanziarie per il Funzionamento dei Gruppi consiliari

    1. Annualmente viene previsto in bilancio un fondo di dotazione da assegnare proporzionalmente ai gruppi consiliari in relazione alla loro consistenza. La quota di tale fondo spettante a ciascun gruppo e’ utilizzata per far fronte alle spese correlate all’esercizio delle funzioni istituzionali e in particolare:

    • Spese telefoniche e postali;

    • Spese per l’acquisto di giornali, libri e riviste;

    • Spese per la stampa e l’informazione, per divulgazione delle attività dei gruppi consiliari;

    • Spese per convegni e manifestazioni per fini istituzionali della Provincia;

    2. Le spese di cui al precedente comma sono effettuate con ricorso alla cassa economale. A tal fine ciascun capogruppo – nel limite consentito dal proprio fondo di dotazione – predispone apposito modulo di richiesta, indicando l’oggetto della spesa e le trasmette, tramite l’Ufficio Gruppi, all’Economato. L’Economato presenta il conto trimestrale delle spese sostenute al Presidente del Consiglio, il quale relaziona annualmente a tale organo in ordine all’impiego delle risorse assegnate.

    NUOVO TESTO

    Art. 19 bis

    Mezzi e risorse finanziarie per il

    Funzionamento dei Gruppi consiliari

    1. Annualmente viene previsto in bilancio un fondo di dotazione da assegnare proporzionalmente ai gruppi consiliari in relazione alla loro consistenza. La determinazione della quota spettante ai singoli gruppi costituisce prenotazione di impegno a favore degli stessi. Tale quota è utilizzata per far fronte alle spese correlate all’esercizio delle funzioni istituzionali e in particolare:

    1. spese telefoniche e postali;
    2. spese per l’acquisto di giornali, libri e riviste;
    3. spese per la stampa e l’informazione per divulgazione delle attività dei gruppi consiliari;
    4. spese per convegni e manifestazioni per fini istituzionali della Provincia.

    2. Per le iniziative di cui alle lettere c) e d) del precedente comma promosse prima della fine dell’esercizio e non completate entro tale termine, la prenotazione si tramuta in impegno limitatamente all’anno successivo, previa comunicazione all’Ufficio Economato per i conseguenti adempimenti contabili.

    3. Le spese di cui al comma 1) sono effettuate con ricorso alla cassa economale. A tal fine ciascun Capogruppo – nel limite consentito dal proprio fondo di dotazione – predispone apposito modulo di richiesta, indicando l’oggetto della spesa e quant’altro occorra e lo trasmette, anche tramite l’Ufficio Gruppi, all’Ufficio Economato, come pure, se del caso, può richiedere a tale ufficio - su apposito modulo, allegando le relative pezze giustificative – il rimborso delle spese sostenute di cui al comma 1. Qualora la natura della spesa non consenta la presentazione di pezze giustificative, il Capogruppo richiedente il rimborso deve produrre la relativa autocertificazione.

    4. Entro il 31 gennaio, l’Economo provinciale presenta il conto annuale delle spese sostenute al Presidente del Consiglio, il quale relaziona in merito a tale Organo nella prima seduta successiva per la conseguente sua approvazione.

    Essa viene approvata a voti unanimi, resi per alzata di mano.

    IL PRESIDENTE ne proclama l’esito.

    Indi, su proposta del Presidente che evidenzia, stante l’urgenza, la necessità di conferire immediata eseguibilità al presente provvedimento,

    IL CONSIGLIO PROVINCIALE

    a voti unanimi, resi per alzata di mano,

    DELIBERA

    di dichiarare immediatamente eseguibile il suesteso provvedimento, ai sensi del quarto comma dell’art. 134 del D. Lgs 267/2000.

     

    IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

    (Dott. Fabio GUARNIERI) (Avv. Roberto SCHEDA)

     

    IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO – f.to R. SCHEDA

    IL SEGRETARIO GENERALE – f.to F. GUARNIERI

    Per copia conforme ad uso amministrativo

    IL SEGRETARIO GENERALE

     

     

     

     

     

    La presente deliberazione è stata pubblicata all'Albo provinciale addì ………………………………… e vi resterà affissa per 15 giorni consecutivi, ai sensi dell’art. 124, 1° comma del D.Lgs 18.8.2000, n. 267.

    L'incaricato del servizio IL SEGRETARIO GENERALE

    (Dott. Fabio GUARNIERI)

    ......................................

     

    La presente deliberazione, pubblicata all'Albo Provinciale il ......................…….............., è divenuta esecutiva ai sensi dell'art. 134, 3° comma, del D.Lgs 18.8.2000, n. 267.

    Vercelli, lì ................................. IL SEGRETARIO GENERALE

    (Dott. Fabio GUARNIERI)