Consiglio  Provinciale  di  Vercelli Sessione Ordinaria Seduta del 4 Luglio 2000

 

 

 

Atto n.  109

 

OGGETTO:       D.M. n. 119 del 4 aprile 2000. Determinazione della misura del gettone di presenza per i Consiglieri provinciali, a norma dell’art. 23 della legge 3 agosto 1999, n. 265. Prot. n. 27211

 

L'anno duemila addì quattro del mese di luglio, in Vercelli, nella Sala delle Tarsie del Palazzo Provinciale, a seguito dell'avviso di convocazione in data 28 giugno 2000, n. 29389, diramato ai sensi della vigente normativa, alle ore 14.50, si è riunito il Consiglio Provinciale che è così composto:

 

 

BALTARO Giulio, Presidente della Provincia

 

BERTOLA Patrizio

BOSSO Carlo

BUONANNO Gianluca

CANOVA Gilberto

CHIAPPALONI Giovanni

CORGNATI Giovanni

DAGO Angelo

DE DOMINICI Gian Paolo

DEMARCHI Claudia

DONNIANNI Romano

FECCHIO Claudio

FERRARO Domenico

SCHEDA Roberto, Presidente del Consiglio

 

FOSSALE Ercole

GUGLIELMINO Valentino

JULINI Norberto

LAZZAROTTO Renzo

MAFFEI Ermanno

NASCIMBENE Roberto

RANGHINO Sandra

ROMANO Francesco

SAVIOLO Paolo

TRICERRI Giovanni

ZAMBONI Giancarlo

 

            Il Presidente del Consiglio Avv. Roberto SCHEDA chiama in trattazione l’oggetto suindicato.

 

            Dei sopracitati Consiglieri sono, al momento, assenti i Signori:

1)       BERTOLA Patrizio

2)       CHIAPPALONI Giovanni

3)       CORGNATI Giovanni

4)       DE DOMINICI Gian Paolo

5)       FECCHIO Claudio

6)       TRICERRI Giovanni

 

Assiste il Segretario Generale Dott. Fabio Guarnieri

 

IL PRESIDENTE chiama in trattazione l'argomento in oggetto e riferisce che la proposta, così come di seguito riportata, già è stata recapitata in copia a ciascun Consigliere:

           

La legge n.  265 del 3 agosto 1999, art. 23, comma terzo, dispone che ai consiglieri provinciali sia corrisposto un gettone di presenza per la partecipazione  a consigli e commissioni;

 

            Il suddetto art. 23, comma nove, stabilisce che la misura minima dei gettoni di presenza e’ determinata, con decreto del Ministero dell’Interno, adottato, di concerto con il Ministero del Tesoro, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore dell’anzidetta L. 265/99;

 

            Il decreto n. 119 del 4 aprile 2000, del Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero del Tesoro, con l’art. 1, fissa, in relazione alle categorie di amministratori e alla dimensione demografica nelle misure riportate nella tabella A del citato decreto, l’ammontare dei gettoni di presenza per i consiglieri provinciali;

 

            Per le province fino a 250.000 abitanti, quale quella di Vercelli, il gettone e’ fissato nella misura base di L. 70.000** per ogni seduta;

 

            Il decreto n. 119 del 4 aprile 2000, art. 11, stabilisce che gli importi dei gettoni di presenza possono essere aumentati o diminuiti, ai sensi dell’art. 23, comma 11, della legge n. 265/99 con deliberazione del consiglio provinciale;

 

            Si ritiene, tenuto conto delle proposte della maggioranza dei Consiglieri, espresse nella 1a commissione consiliare,  di fissare l’importo del gettone di presenza in L. 200.000**;

 

            L’importo predetto non supera la percentuale di aumento prevista dall’ art. 11, comma terzo, D.M. n. 119/00, indicata nell’allegata tabella D1 (30 per cento per le province), dell’incidenza delle spese per indennità di funzione e gettoni di presenza determinate in applicazione del suddetto decreto n. 119/00 sulle spese correnti stanziate in bilancio;

 

            La fissazione dell’importo del gettone di presenza nella misura predetta, comporta la necessita’ di impinguare gli stanziamenti di spesa relativi, dell’anno 2000 e del bilancio pluriennale 2000/2002, in base al costo stimato sul numero medio di sedute del Consiglio provinciale e delle commissioni consiliari effettuate nel periodo successivo all’elezione degli attuali organi collegiali fino alla data odierna;

 

            A tale scopo, per l’anno 2000, viene utilizzato, per lire 25.000.000, il fondo di riserva ordinario e per gli anni futuri, riduzione di lire 50.000.000, spese generali per servizi;

 

Ciò premesso, si sottopone ad approvazione la seguente proposta:

 

IL CONSIGLIO PROVINCIALE

 

Udita e fatta propria la suestesa relazione anche come dispositivo e ad integrazione della parte motiva;

 

Dato atto che è stato ottemperato al disposto di cui all’art. 53, c. 1 della L. 142/90, come evincesi dal documento allegato sub A) alla presente deliberazione;

 

Dato atto che è stato espresso parere favorevole anche da parte del Collegio dei Revisori dei Conti ai sensi dell’art. 105 del D.Lgs. n. 77/95, come modificato dall’art. 17 del D.Lgs. n. 342/97;

 

DELIBERA

1)    Di stabilire in L. 200.000** l’importo del gettone di presenza, da attribuire ai Consiglieri provinciali, per l’effettiva partecipazione ad ogni seduta del Consiglio provinciale e delle Commissioni consiliari permanenti, nonchè ad ogni seduta delle Commissioni consiliari stabilite per legge, con la precisazione che, nell’ambito della stessa giornata, i gettoni di presenza non sono cumulabili tra loro;

2)    Di corrispondere il suddetto gettone di presenza a decorrere dalla data odierna;

3)    Di approvare la seguente variazione al bilancio relativa all’anno 2000:

 

 

 

 

CODICE

DESCRIZIONE

MINORI SPESE

MAGGIORI SPESE

1010911

Fondo di riserva ordinario

- 25.000.000

 

1010103

Prestazione di servizi:

-     Indennità di presenza adunanze Consiglio provinciale, indennità di missioni e rimborso spese forzose al Presidente, Assessori e Presidente del Consiglio provinciale

-     Indennità di presenza alle commissioni consiliari e rimborso spese

 

 

 

 

+ 10.000.000

 

+ 15.000.000

4)    Di approvare la seguente variazione al bilancio pluriennale, nelle previsioni 2001/2002:

 

 

 

 

CODICE

DESCRIZIONE

SPESA

1010103

Funzioni generali di Amministrazione, di gestione e controllo – Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Prestazione di Servizi:

-     Indennità di presenza adunanze Consiglio provinciale, indennità di missioni e rimborso spese forzose al Presidente, Assessori e Presidente del Consiglio provinciale

-     Indennità di presenza alle Commissioni consiliari e rimborso spese

 

 

+ 20.000.000

+ 30.000.000

1090103

Funzioni generali di Amministrazione, di gestione e controllo – Altri servizi generali - Prestazione di servizi -

- 50.000.000

nonchè le conseguenti variazioni alla Relazione previsionale e programmatica 2000/2002;

5)       Di dare atto che a seguito delle suddette variazioni, gli stanziamenti di bilancio risultano come da allegato sub B), che si allega e si approva.

Indi il Presidente dichiara aperta la discussione.

 

Sull’argomento si registrano gli interventi dell’Assessore Masoero, dei Consiglieri Julini, Fossale, Ferraro, Demarchi, Buonanno, Donnianni e Guglielmino, del Segretario Generale, Dott. Guarnieri e del Presidente per i quali si rinvia al nastro di registrazione della seduta odierna, n. 6/2000, ai sensi dell’art. 90, comma 4 del vigente Regolamento per l’Organizzazione ed il Funzionamento del Consiglio Provinciale.

 

 

Non avendo più alcuno chiesto la parola, la suestesa proposta, posta ai voti dal Presidente, viene approvata con 17 voti favorevoli e 2 astenuti (Ferraro e Julini), resi per alzata di mano, essendo 19 i Consiglieri presenti e votanti.

 

IL PRESIDENTE ne proclama l’esito.

 

 

Indi, su proposta del Presidente che evidenzia la necessità di conferire immediata eseguibilità al presente provvedimento,

 

IL CONSIGLIO PROVINCIALE

 

con 17 voti favorevoli e 2 astenuti (Ferraro e Julini), resi per alzata di mano, essendo 19 i Consiglieri presenti e votanti,

 

 

DELIBERA

 

di dichiarare, stante l’urgenza, immediatamente eseguibile il suesteso provvedimento, ai sensi del terzo comma dell’art. 47 della L. 142/90.

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                                         IL SEGRETARIO GENERALE                                                                                                                                                                                                                                                         IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

                                                                                                                                                                                                                                                         (Dott. Fabio GUARNIERI)                                                                                                                                                                                                                                                         (Avv. Roberto SCHEDA)