Consiglio Provinciale di Vercelli Sessione Straordinaria Seduta del 18 Gennaio 2000

 Atto n. 67

OGGETTO: Comunicazioni del Presidente della Provincia. Prot. n. 30

L'anno duemila addì diciotto del mese di gennaio, in Vercelli, nella Sala delle Tarsie del Palazzo Provinciale, a seguito dell'avviso di convocazione in data 12 gennaio 2000, n. 644, diramato ai sensi della vigente normativa, alle ore 15.30, si è riunito il Consiglio Provinciale che è così composto:

 BALTARO Giulio, Presidente della Provincia

BERTOLA Patrizio
BOSSO Carlo
BUONANNO Gianluca
CANOVA Gilberto
CHIAPPALONI Giovanni
CORGNATI Giovanni
DAGO Angelo
DE DOMINICI Gian Paolo
DEMARCHI Claudia
DONNIANNI Romano
FECCHIO Claudio
FERRARO Domenico

SCHEDA Roberto, Presidente del Consiglio

FINOCCHI Fabrizio
FOSSALE Ercole
GUGLIELMINO Valentino
JULINI Norberto
LAZZAROTTO Renzo
MAFFEI Ermanno
NASCIMBENE Roberto
RANGHINO Sandra
SAVIOLO Paolo
TRICERRI Giovanni
ZAMBONI Giancarlo

Il Presidente del Consiglio Avv. Roberto SCHEDA chiama in trattazione l’oggetto suindicato.

Dei sopracitati Consiglieri sono, al momento, assenti i Signori:

  1. BERTOLA Patrizio
  2. DAGO Angelo
  3. DONNIANNI Romano

 


Assiste il Segretario Generale Dott. Fabio Guarnieri

IL PRESIDENTE chiama in trattazione l'argomento in oggetto dà la parola al Presidente della Provincia.

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, dopo aver comunicato di aver provveduto a nominare l’Assessore Roberto Berutti quale rappresentante provinciale in seno al Consiglio di Amministrazione dell’Università del Piemonte Orientale "A. Avogadro" di Vercelli, svolge alcune brevi considerazioni in ordine a quanto comunicato dal Consigliere Buonanno.

Indi il Presidente dichiara aperta la discussione.

Si registrano gli interventi dei Consiglieri Ferraro e Saviolo e del Presidente della Provincia per i quali si rinvia al nastro di registrazione della seduta odierna, n. 1/2000, ai sensi dell’art. 90, comma 4 del vigente Regolamento per l’Organizzazione ed il Funzionamento del Consiglio Provinciale.

Dopodichè il Presidente propone l’anticipazione della trattazione del punto 5) dell’ordine del giorno.

La proposta, posta ai voti dal Presidente, viene approvata con 20 voti favorevoli e 2 astenuti (Fossale e Chiappaloni), resi per alzata di mano, essendo 22 i Consiglieri presenti e votanti.

Il PRESIDENTE ne proclama l’esito.